Fino a che punto può spingersi la crudeltà umana verso un animale indifeso? Questa la domanda che si sono posti molti cittadini della cittadina tedesca di Erfurt, dove è accaduto un fatto alquanto inquietante che è stato denunciato anche da alcune associazioni animaliste. Il tutto è avvenuto ai danni di un innocuo e indifeso procione che si trovava a passeggiare tranquillamente e ingenuamente per le strade della città. Il centro era affollato da locali e turisti in occasioni dei mercatini di Natale, che hanno attirato una enorme quantità di persone, fra queste il procione passeggiava, attirando su di sé sguardi di ammirazione.

Sfiorava i piedi dei cittadini increduli, si accovacciava tra una scarpa e l’altra addormentandosi, c’era qualcosa di anomalo in lui. Fin quando è stato trovato dagli agenti di polizia i quali hanno realizzato che il comportamento alquanto inusuale dell’animale era dovuto a uno strato di ubriachezza. Probabilmente il procione ha approfittato di un bicchiere di vino o di una bevanda alcolica lasciato incustodito. Sembra incredibile, ma la vicenda è stata documentata dai vari media locali: il tenero procione ha preso confidenza e ha cominciato a muoversi tra i visitatori dei mercatini strappando loro un sorriso di compassione.

Poi le forze dell’ordine lo hanno prelevato e portato via, ma qualche momento dopo si è scatenata l’ira degli animalisti. Il motivo delle polemiche è che molto probabilmente l’animaletto non è stato affidato a un rifugio dove delle persone si sarebbero prese cura di lui. Al contrario sarebbe stato consegnato direttamente ad un cacciatore il quale senza pensarci troppo lo avrebbe ucciso. L’abbattimento non è giustificato da alcuna ragione, infatti il procione non aveva dato segni di squilibrio o di pericolosità. La Stadtwerke Erfurt, associazione animalista locale, è convinta della soppressione spietata del procione e ha denunciato quanto accaduto in modo che la notizia arrivasse a quante più persone possibile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here