Il ragazzo prodigio che avrebbe dovuto laurearsi alla tenera età di 9 anni ha avuto un cambio di programmi. Infatti i suoi genitori hanno avuto una sorta di disputa con l’università, che ha voluto ritardare il gioioso evento posticipando la laurea a metà 2020. Così Laurent Simons, il ragazzino che stava per conseguire il corso di laurea in ingegneria elettronica presso la Eindhoven University of Technology (TUE), nei prossimi giorni partirà per gli Stati Uniti, secondo quanto è stato riferito dai media. All’inizio il programma prevedeva la sua laurea completando i corsi in 10 mesi, ma dopo un po’ i responsabili hanno deciso di posticipare.

Il corso di laurea per gli studenti nella media dura tre anni, quindi il suo conseguimento in così poco tempo sarebbe stato comunque un enorme traguardo. Ma il padre di Laurent non ha voluto saperne, è rimasto offeso dal fatto che il rettore non abbia consentito a suo figlio di laurearsi entro quanto stabilito all’inizio. Le accuse mosse all’università sono quelle di “volersi tenere Laurent tutto per sé”, accuse che sono state prontamente smentite dal rettore, il quale si è anche sentito offeso in seguito a quello che può sembrare un atto di malafede. Ma oramai è deciso, Laurent andrà a conseguire un dottorato negli Stati Uniti, ancora non è stato riferito il periodo preciso.

I professori e i collaboratori della TUE sentiranno sicuramente la mancanza del piccolo genio, infatti come hanno riferito ai media, Laurent è un ragazzo intelligente sì, ma ricco di qualità personali. Un bambino curioso, con tanta voglia di imparare, strappando un sorriso a chi lavora con lui. Intanto l’università ci ha tenuto a precisare che per Laurent ci sarà sempre una possibilità, la struttura in qualsiasi momento, qualora dovessero esserci dei ripensamenti, sarà lieta di ospitare di nuovo il piccolo prodigio di nove anni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here