Scandalo a Pisa, in un ateneo che è stato profanato dal rapper Bello Figo. Il cantante dai gusti controversi già in passato aveva fatto parlare di sé con le sue caricature ironiche in cui si vantava di non pagare l’affitto. Stavolta ha superato il limite, anche secondo alcuni deputati della Lega, che non hanno tardato a manifestare il proprio disappunto nei confronti del cantante sopra le righe. Come sempre, i testi sono espliciti, Bello Figo non ha avuto alcun problema a utilizzare un linguaggio sconcio, infatti il suo nuovo testo si intitola “Tr**bo a facoltà” e inizialmente era stato girato in un’aula dell’Università di Pisa, precisamente la Facoltà di Economia.

Ancora non è chiaro come abbia fatto il rapper ad avere l’accesso in facoltà, seguito dalla sua mini troupe di collaboratori. Il video è stato messo online su Youtube il 6 dicembre, ma solo in seguito si sono scatenate le polemiche, quando il caso è divenuto celebre. È stato scomodato anche il rettore dell’università il quale ha annunciato di voler prendere provvedimenti a riguardo. Il video, girato in una normalissima aula in cui la mattina si fa lezione, mostra pose esplicite accompagnate da gesti altrettanto volgari. Per questo motivo ha suscitato il malcontento di molti, soprattutto senatori della Lega, che già in passato avevano avuto contrasti con Bello Figo.

Infatti risale a qualche anno fa il confronto televisivo su Rete 4 fra Salvini e Bello Figo, confronto che ha messo in luce l’astio che c’era fra i due. Intanto il video del brano, pubblicato sul canale ufficiale del rapper, è stato modificato e non rappresenta più le immagini dell’ateneo. Ad ogni modo il rettore dell’università Paolo Mancarella ha fatto una comunicazione ai media dicendo che avrebbe tutelato la struttura difendendola da ogni tipo di diffamazione e da qualunque gesto potesse arrecare vergogna all’ateneo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here