Omissione di soccorso e lesioni gravissime: queste le accuse nei confronti di un pirata della strada che ha quasi tolto la vita a una giovane ragazza di 19 anni. Tutto è accaduto la scorsa notte a Milano, in via Berna, dove la vittima è stata trovata in stato di incoscienza, perdeva sangue dalla testa. L’uomo che le ha causato il trauma è scappato lasciandola lì, da sola per strada ed è stato solo grazie ad un passante che ha notato la sagoma a terra che la ragazza è stata portata in ospedale. Infatti il passante ha subito allertato i soccorsi medici chiamando il 118.

Sul posto sono giunti anche i carabinieri per chiarire le dinamiche dei fatti, e sin dal primo momento si è pensato che ad avere la colpa fosse un pirata della strada. La sua vettura è stata individuata grazie alle telecamere di sicurezza situate in zona, grazie alle quali gli agenti hanno individuato la macchina tramite la targa. L’auto è stata subito inserita nel sistema di allarme e qualche tempo dopo un cittadino ha fatto una chiamata alle forze dell’ordine, segnalando loro di aver trovato il veicolo incriminato. Era stata abbandonata in una zona isolata, con il cofano coperto per nascondere la parte danneggiata con la quale l’uomo ha urtato la giovane 19enne.

Così dopo varie indagini gli agenti sono riusciti a risalire al colpevole: si tratta di un uomo di 47 anni di Milano, che già aveva dei precedenti penali. L’uomo dovrà rispondere alle accuse di lesioni gravissime e omissione di soccorso, in quanto, dopo aver investito la ragazza, non si è minimamente preoccupato di aiutarla, anzi l’ha lasciata al suolo ed è scappato cercando di nascondere le sue tracce. Grazie alla collaborazione dei cittadini la vittima è stata portata in ospedale e il colpevole è stato individuato e fermato in caserma.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here