Una delle attrazioni più suggestive della Sicilia e della nostra Penisola è stata messa in pericolo. Si tratta della famosa Scala dei Turchi, che si trova in provincia di Agrigento, di preciso sulla costa di Realmonte. La nota località dalla roccia bianca attira ogni anno migliaia e migliaia di turisti, e come riportato da una denuncia fatta dagli ambientalisti locali, tali visite indiscriminate hanno contribuito al degrado del posto. Questo è quanto comunicato dall’associazione “Mareamico” di Agrigento, che chiede una maggiore vigilanza per quanto riguarda la Scala dei Turchi, diventata famosa anche per essere stata citata nella serie Montalbano e candidata a diventare patrimonio dell’Unesco.

Il terrore di perdere questo tesoro nazionale è arrivato quando negli ultimi giorni dei massi sono venuti giù, facendo letteralmente sbriciolare la Scala. Ad esacerbare le condizioni già danneggiate dell’area ha contribuito il maltempo che ha imperversato sull’intera regione Sicilia negli scorsi giorni. Oltre alle cause naturali, a causare il crollo ci sono la cementificazione fatta tutt’intorno e poi le smodate visite da parte dei turisti, fatte senza una opportuna regolamentazione. L’area era già stata sottoposta a un’operazione di manutenzione finanziata dalla regione Sicilia, per mettere in sicurezza la Scala dei Turchi, che è stata riaperta solo qualche mese fa.

Tuttavia non è stato sufficiente, infatti la scarsa manutenzione e il continuo flusso di turisti hanno determinato il crollo della roccia bianchissima che caratterizza la costa. Secondo quanto detto dai portavoce dell’associazione Mareamico bisognerebbe bloccare il versante ovest, che si affaccia sul lido Rossello. La situazione ha scosso non poco i residenti e soprattutto gli ambientalisti che continuano ad osservare sotto i propri occhi il decadimento della Scala dei Turchi, che per anni e anni ha rappresentato un simbolo di Agrigento e dell’intera isola siciliana. Per questo motivo Mareamico continua a segnalare i disagi che affliggono il territorio, nella speranza che vi siano cambiamenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here