Continuano gli attacchi jihadisti nei confronti di chiese cristiane: l’ultima notizia riguarda il Burkina Faso, dove alcuni estremisti islamici hanno causato almeno 14 morti secondo le prime stime. Con precisione si tratta della zona di Hantoukoura, nome tristemente noto ai media perché in passato la città è stata già oggetto di attentati terroristici che hanno causato diverse vittime. Gli assalti sono organizzati e messi in atto da gruppi legati ad Al Qaeda e all’Isis e, secondo le fonti, fra i massacrati ci sono anche dei bambini. Tutto è cominciato intorno alle ore 12, quando un gruppo di uomini armati ha fatto irruzione nella chiesa e ha giustiziato 14 persone, non tenendo conto della tenera età di alcuni di loro.

Erano all’incirca una dozzina gli aggressori, secondo quanto riportato da alcune fonti locali, avevano armi pesanti con le quali hanno massacrato i fedeli, il pastore, ma soprattutto i bambini. Le notizie riportate dagli informatori locali ci dicono che le vittime sono tutte di sesso maschile. Subito dopo l’attacco sono intervenute le forze dell’ordine e la sicurezza locale e hanno cominciato quella che è stata definita un’operazione di rastrellamento. La speranza è quella di trovare gli attentatori, che sono scappati velocemente subito dopo aver assassinato le persone, a bordo di alcune motociclette.

Purtroppo il paese interessato, ovvero il Burkina Faso, è una zona molto povera, e spesso si sentono delle notizie del genere nei confronti di chiese cristiane. Il bersaglio di questi gruppi estremisti sono di sicuro i sacerdoti, i missionari e molto in generale i fedeli di religione cristiana, senza distinzione fra cattolici e protestanti. Tuttavia il movente non è molto chiaro, infatti in passato gli stessi gruppi hanno attaccato anche alcuni Imam. Gli attacchi terroristici sono cominciati circa quattro anni fa e da allora le comunità religiose vivono nel terrore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here