L’agenzia funebre più famosa del web, Taffo, non poteva non fare qualcosa di unico, come avviene in varie occasioni. La pagina della nota azienda romana che si occupa di pompe funebri è nota per le sue pubblicità ciniche e schiette, con un tipo di umorismo unico. Grazie a tale approccio l’agenzia ha raccolto migliaia e migliaia di like soprattutto da parte dei giovani, che spesso condividono su Facebook le scherzose illustrazioni firmate Taffo. Anche stavolta, in occasione della giornata di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, hanno saputo creare un’immagine di grande impatto che, con la dovuta ilarità tocca il profondo, trasmette un messaggio ben chiaro.

L’immagine che celebra la giornata delle scarpe rosse presenta una scritta in alto che dice: “Ci sono due tipi di donne”. La parte sottostante tale scritta invece è divisa in due sezioni: da un lato c’è una bara, simbolo più che appropriato per un’azienda funebre. Dall’altro lato al posto della bara c’è una scritta, “Quelle che denunciano”. Senza dubbio il messaggio è diretto, ma allo stesso tempo esplicativo e, con un’ironia che rasenta il macabro è riuscito a colpire il pubblico. Gli addetti alla comunicazione dell’agenzia hanno dimostrato ancora una notevole maestria nel trattare un tema delicato in modo memorabile.

L’agenzia funebre Taffo è diventata famosa per aver condiviso immagini di notevole significato ed impatto emotivo anche nell’ambito delle unioni civili. Qualche anno fa inoltre, per contrastare l’omofobia circolante, furono elaborate delle ironiche vignette in cui venivano affrontato il tema dei genitori “tradizionali” e le coppie omosessuali. La visione dell’azienda è stata sempre di stampo progressista e dissacrante; quando c’è stato il boom del remix “Io sono Giorgia”, ispirato alla leader di Fratelli d’Italia, i dipendenti hanno partecipato con grande entusiasmo. Infatti hanno realizzato una coreografia apposita che in seguito, ovviamente, hanno condiviso sui social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here