Un’altra tragedia ha colpito la cittadina di Trecate, in provincia di Novara: una lite domestica fra un uomo e una donna, finita con l’omicidio di quest’ultima, ammazzata dalla furia del compagno. Urla nella notte, un’accesa discussione, questi i riscontri emersi dalla testimonianza dei vicini, che hanno raccontato di aver sentito i due litigare prima che avvenisse il tragico fatto. Lui, un ragazzo di 30 anni, al culmine del litigio, l’ha accoltellata, rendendosi conto solo dopo che la donna aveva perso la vita. Accecato dalla rabbia si è scagliato addosso alla propria compagna, una donna di 39 anni, si chiamava Barbara Grandi.

È stato lui, l’omicida, a chiamare le forze dell’ordine, quando ha realizzato che la sua compagna si trovava in un lago di sangue. Nonostante il repentino arrivo sia dei carabinieri che dei soccorsi medici, per la donna non c’è stato nulla da fare e, nel momento dell’intervento era già deceduta. Tuttavia gli inquirenti sono ancora a lavoro per stabilire quale sia l’esatta dinamica dei fatti che hanno portato all’assassinio di Barbara. Intanto il suo compagno è stato fermato, su di lui pende l’accusa di omicidio: al caso stanno indagando i carabinieri di Novara, che nei prossimi giorni svolgeranno tutti gli accertamenti.

Questo è il secondo omicidio che sconvolge la città di Trecate nell’arco di pochissimo tempo. Infatti qualche settimana fa si verificò la vicenda dei due fratelli Saporito che vide il più giovane dei due ammazzato dall’altro; in seguito l’omicida si è dato alla fuga ed è stato rintracciato alcune ore dopo dalle forze dell’ordine. Anche in quel caso il movente, la ragione che ha spinto il fratello maggiore a colpire il suo familiare, era di natura passionale e di mezzo c’era una donna. La gelosia ha spinto Saporito a scagliarsi sull’uomo colpendolo con un’arma da fuoco e quindi provocandone la morte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here