Ieri c’è stata una discussione accesa nel corso della trasmissione “Otto e Mezzo”, condotta da Lilli Gruber su La7. L’ospite della trasmissione era la deputata Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, che in questi ultimi giorni sta facendo parlare molto di sé. Hanno affrontato temi molto delicati, tra cui razzismo e antisemitismo: nel primo caso hanno parlato del collega di Giorgia Meloni Galeazzo Bignami, che assieme a Marco Lisei ha girato per la città di Bologna. Scopo di questa “ispezione” era mostrare che nelle case popolari c’è una prevalenza di stranieri, infatti i due esponenti di Fratelli d’Italia hanno fatto un video in cui mostrano numeri civici e citofoni.

Tale video è stato poi pubblicato sui social, per dimostrare che c’è una certa discriminazione nell’assegnazione delle case popolari, situazione in cui verrebbero favoriti gli stranieri rispetto agli italiani. I due deputati hanno dimostrato la massima noncuranza per la privacy degli abitanti dei palazzi, sostenendo che i citofoni sono pubblici, e Giorgia Meloni lo ha ribadito in trasmissione con la Gruber. Quest’ultima ha invece citato dei dati statistici i quali dimostrano che non vi è discriminazione alcuna fra italiani e stranieri, ma che la maggior parte delle case popolari è assegnata a italiani.

Se già a questo punto la discussione fra Gruber e Meloni aveva assunto dei toni accesi, dopo questi non hanno fatto che peggiorare, quando la conduttrice ha tirato in ballo l’antisemitismo. Anche se la Meloni ha affermato che il problema ci sia, la Gruber ha detto di aver notato una certa ambiguità nella destra italiana in merito. L’interlocutrice ha risposto citando a sua volta la sinistra italiana e, mentre l’altra tentava di avere una risposta sulla destra, ha tirato fuori due tweet. Uno di Chef Rubio e uno di Anzaldi, ex deputato PD: a questo punto le due donne hanno cominciato battibeccare fino a quando Lilli Gruber ha minacciato di togliere l’audio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here