Chef Rubio ha abbandonato la conduzione di “Camionisti in trattoria”, noto programma di cucina in onda su Discovery Channel. Le motivazioni sono rimaste misteriose per i primi tempi, poi si sono sparse alcune voci, poi ci ha pensato il diretto interessato a dire la sua e a spiegare per bene i fatti. Mentre altri dicevano che la redazione avesse gentilmente accompagnato lo chef alla porta per congedarlo, lui ha precisato che se n’è andato spontaneamente. Come sempre Chef Rubio è bravissimo a far parlare di sé e neanche questa volta ha deluso i suoi ammiratori, tanto meno i suoi nemici.

In un lungo post esplicativo ha spiegato come negli ultimi tempi avesse perso quella serenità mentale che aveva un tempo. Avrebbe continuato a partecipare al programma solo per gli ascolti, solo per i guadagni andando avanti per inerzia, e stando a quel che dice lui, non è una cosa che gli piace. Ci ha tenuto molto a dare spiegazioni al suo pubblico da un punto di vista personale, per correttezza dice lui. Secondo alcune indiscrezioni sarebbe invece stato licenziato, molto probabilmente per le sue vedute politiche, per le sue opinioni, anche se è stato lui stesso a smentire tali voci.

Anche il critico Dominique Antognoni gli ha dedicato alcune righe, porgendogli un saluto molto ironico. Ha affermato di sapere anche chi sarà il prossimo, il sostituto di Rubio, dicendo che ci sarà per questa volta uno chef vero. Le sue sono state parole molto dure, che non nascondevano affatto l’entusiasmo per l’abbandono di Rubio dal programma. Lo chef dal canto suo ha risposto con tanto di indignazione e rabbia nei confronti di chi ha diffuso le voci del suo licenziamento. Secondo le sue parole ha agito con grande coerenza, rinunciando oggi come in passato a molte trasmissioni che gli avevano offerto lavoro in tv.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here