Gli elefanti sono fra gli animali più intelligenti del mondo, e in questi ultimi giorni stanno facendo parlare di sé proprio a motivo di ciò. Ci sono vari studi a supporto di questa evidenza, e a parte le notevoli qualità intellettive questi animali sono molto sensibili ed empatici. Quest’ultimo punto si rivela molto toccante, dal momento che gli elefanti sono sempre più spesso vittime di abusi, in quanto vengono catturati da piccoli e sono costretti a vivere in cattività per tutta la loro vita. La testata GreenMe ha portato all’attenzione dei lettori alcune delle condizioni in cui questi animali meravigliosi vengono tenuti.

A destare tanta attenzione è stato il circo Orfei a Brescia, dove insieme a tanti esemplari di specie diverse sono stati rinchiusi questi animali. È stato fatto notare che hanno assunto comportamenti ripetitivi, stereotipati, frutto della gabbia in cui sono costretti. Mentre arrivano gli spettatori con aria sorpresa e meravigliata davanti alla maestosità di questi animali, loro non fanno altro che soffrire, vedendo centinaia di facce diverse ogni giorno. Strappati al loro habitat naturale oramai non hanno alcuna speranza e, sbirciando dietro le quinte si può osservare lo scenario straziante dello sfruttamento animale al circo.

A dimostrazione della grande intelligenza degli elefanti c’è anche un video che, originariamente postato su Twitter, è diventato virale. Un uomo infatti ha registrato la fuga di un esemplare da un recinto che si trova nella foresta indiana: l’animale relativamente piccolo, era trattenuto da una recinzione metallica elettrificata per scoraggiare tentativi di evasione. I fili metallici però sono intervallati dai paletti di legno, che non conducono corrente: quando l’elefante ha capito questo, con la sua proboscide ha abbassato uno dei pali di legno, portando al suolo un intero pezzo di recinzione, riuscendo a fuggire verso la libertà. Questa storia dimostra quanto sia meravigliosa la natura con tutte le sue creature.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here