Era andato ad una battuta di caccia, ma questa si è conclusa male: un 65enne è stato colto da un malore e non è mai più tornato a casa. È accaduto in provincia di Padova, l’uomo viveva in una località vicina e si era recato a caccia nel centro di Arre. È qui che è stato colto da un malore e non ha avuto neppure il tempo di ritirarsi, in quanto stroncato sulla strada del ritorno a casa. Così un agricoltore della zona ha notato una strana sagoma nel terreno e avvicinandosi ha fatto la macabra scoperta, ovvero un uomo accasciato sul proprio fucile, senza vita.

Si chiamava Enrico Salmistrato ed era un pensionato con residenza a Conselve, giovedì è uscito di casa per coltivare uno dei suoi hobby preferiti, ovvero la caccia, non tornando più. Il testimone che ha ritrovato il corpo, spaventato dalla scena che si è trovato davanti ai suoi occhi, ha immediatamente chiamato i soccorsi. Nonostante l’intervento repentino dei sanitari e dei carabinieri per l’uomo non c’è stato nulla da fare, i medici non hanno potuto far altro che constatare il suo decesso. Sul corpo non sono stati trovati segni di violenza o colluttazione, ad ogni modo la causa della morte è stata quasi sicuramente un arresto cardiaco.

Questo è stato il riscontro del medico, secondo in quale l’uomo è stato colto dal malore mentre si trovava a caccia; ha avuto un arresto cardiocircolatorio e non ha fatto in tempo a chiedere aiuto o a tornare a casa. Enrico era rientrato anche con il sopraggiungere del buio, ma poco prima del suo arrivo a casa è stato colpito dal terribile malore che gli è stato fatale. Dopo l’autopsia e le dovute analisi la salma della vittima è stata riportata alla famiglia, che ora potrà quindi celebrare i funerali di Enrico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here