Attimi di terrore quelli che sono stati vissuti da alcuni turisti in Giordania: la capitale è stata presa d’assalto da un uomo, che ha accoltellato otto persone. Ancora non è stato reso noto il movente, ma i maggiori sospetti sono quelli di terrorismo, principalmente a motivo dell’aspetto dell’aggressore che si è presentato sul luogo con il volto coperto. Secondo i testimoni lì presenti, il suo vestiario e il modo in cui ha occultato il suo viso ricordano tanto i militanti dell’Isis, ma si attendono ancora conferme. È accaduto a Jerash, uno dei siti archeologici più visitati della zona, se non del mondo.

Infatti sono lì presenti alcuni reperti archeologici risalenti all’epoca romana, come pure un anfiteatro. Mentre in una giornata come le altre i turisti erano intenti a scattare foto e a visitare la località è arrivato l’assalitore. Ha accoltellato otto persone in maniera apparentemente indiscriminata, ma poco tempo dopo le forze dell’ordine locali sono riuscite a fermarlo e ad arrestarlo. Tra le vittime dell’aggressione c’erano quattro turisti e quattro persone del posto; dei turisti, tre erano di origine messicana, uno era svizzero. Quanto ai locali, uno di loro era una guida turistica, un altro era un addetto alla sicurezza.

Sono tutti in condizioni molto gravi, infatti sono stati da subito portati al pronto soccorso più vicino con un jet privato. Sono state fatte alcune riprese dai turisti che erano in visita sul sito storico; si possono osservare lo spavento e il terrore degli astanti. Una donna che perde sangue, adagiata su un muretto vicino, con qualcuno che le preme sulla schiena per guadagnare tempo mentre arrivano i soccorsi. Quell’area non era mai stata un bersaglio di attacchi terroristici, questa è stata la prima e inaspettata volta; negli ultimi tempi inoltre, il sito di Jerash è molto gettonato, è una meta turistica per migliaia di persone che provengono dai più svariati paesi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here