Dramma in provincia di Cuneo: un bambino stava giocando nel cortile della casa della nonna quando, inavvertitamente, c’è stato l’incidente domestico che gli è costato la vita. È accaduto a Caramagna Piemonte, il bimbo di soli 4 anni giocava spensierato quando un pesante vaso di marmo è caduto colpendolo forte alla testa. Subito i familiari hanno chiamato i soccorsi, l’ambulanza lo ha portato tempestivamente in ospedale. Sin dal primo momento però le sue condizioni sono parse critiche, ma i medici non hanno mollato e dopo averlo intubato hanno tentato di rianimarlo per tutta la notte. È stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Il piccolo non riusciva a respirare, aveva i conati di vomito, così i soccorsi lo hanno portato direttamente all’ospedale Regina Margherita di Torino. L’impatto gli ha causato un forte trauma toracico e addominale, che sin da subito hanno dato preoccupazioni ai medici, perché hanno provocato al piccolo difficoltà respiratorie; nonostante ciò dopo una lunga nottata in cui i sanitari hanno tentato di rianimarlo il bambino è morto. Dopo essere stato meno di un giorno in prognosi riservata, verso l’alba di ieri, mentre i medici tentavano l’impossibile il suo cuore ha cessato di battere.

I genitori della vittima sono sconvolti, così come la piccola sorellina di appena 5 anni; è stato dichiarato lutto cittadino e a breve si terranno i funerali del bambino. Il sindaco Maria Coppola si è mostrato molto vicino alla famiglia colpita dalla tragedia, annullando una festività annuale che si sarebbe tenuta il prossimo fine settimana. Si tratta di una celebrazione autunnale che si svolge tutti gli anni, rappresenta una tradizione per la cittadina. In seguito alla morte del piccolo è stata anche aperta un’inchiesta dai carabinieri per valutare tutte le responsabilità di chi abita nello stabile in cui è avvenuta la tragedia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here