Sono più di 12mila i pappagallini che hanno invaso la capitale spagnola: Madrid è stata letteralmente sommersa dai volatili. Si tratta di pappagalli argentini o parrocchetti monaci, una specie che andava particolarmente di moda negli anni ’80, ma, se all’epoca venivano tenuti come animali domestici, nei decenni successivi sono stati liberati. Fino ad oggi sono cresciuti in libertà popolando i cieli di Madrid, sono aumentati esponenzialmente, infatti sono noti per essere animali molto longevi e molto prolifici. Vivono per 20 anni o più e possono deporre fino a 8 uova all’anno. Tuttavia creano molteplici disagi per i cittadini, a partire, ad esempio, dai nidi che possono arrivare a pesare fino a 200 kg.

Così il consiglio comunale della città spagnola ha dovuto prendere una decisione che a molti sembrerà crudele. Saranno costretti a decimare la popolazione di volatili, anche a causa delle numerose denunce ricevute da parte di molti cittadini nel corso dell’anno. Emettono rumori fastidiosi, ma questo forse è il minore dei problemi, il principale è che minacciano la biodiversità e l’ecosistema locale. Inoltre minacciano anche la salute di altri tipi di uccelli, in quanto possono essere portatori di varie malattie, rischiando di trasmetterle ai diversi esemplari. Così il delegato che si occupa dell’ambiente, Borja Carabante ha annunciato il nuovo piano che sarà costretto ad attuare insieme agli altri membri della giunta.

Sarà una decisione drastica, ma i benefici sono assicurati e fra qualche tempo lasciare i pappagallini potrebbe comportare seri rischi per la popolazione. Una considerevole porzione di pappagallini sarà catturata e gli esemplari saranno abbattuti con procedure il meno dolorose possibile; tutto il procedimento sarà effettuato nel rispetto degli animali e in conformità con le leggi. L’altra misura che sarà presa consiste nella sterilizzazione delle uova, in modo da fermare la riproduzione dei volatili. Non è stato detto il numero preciso di parrocchetti che saranno sacrificati, ma di sicuro alcuni esemplari saranno lasciati liberi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here