Abusava sistematicamente di una bimba di 8 anni: così un fisioterapista di Viterbo è stato arrestato dopo le indagini effettuate a suo carico. L’uomo è stato accusato di violenza sessuale aggravata continuata; la triste vicenda va avanti dall’inizio del mese di settembre, come è emerso dalle testimonianze dei genitori della vittima. Nei primi giorni del mese infatti il fisioterapista sotto accusa ha cominciato a frequentare l’abitazione della bambina di 8 anni per alcune terapie private: sin da allora sono cominciati gli abusi sessuali sulla bambina affetta da disabilità. I genitori hanno subito denunciato appena hanno scoperto quello che la piccola era costretta a subire, così sono scattate le indagini.

Così gli agenti della polizia locale, coordinati con la Procura della Repubblica di Viterbo, hanno cominciato a indagare sul conto del fisioterapista. E quello che hanno trovato è stato raccapricciante, ovvero la conferma di quel che i genitori sospettavano, che ha in seguito condotto all’arresto dell’uomo responsabile delle violenze. Una volta fermato il colpevole, gli agenti hanno effettuato una perquisizione sia del suo domicilio, sia dei suoi dispositivi elettronici: sono alla ricerca di eventuali file che potrebbero portare informazioni utili, per approfondire le analisi.

Ancora sono in fase di analisi le prove trovate nell’abitazione dell’uomo, incluse quelle di carattere informatico. Il fisioterapista è un dipendente dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, lavora però nella sede distaccata di Santa Marinella; oltre al suo lavoro in ospedale poi svolge terapie a domicilio, ed è così che è venuto in contatto con la vittima, la bambina di 8 anni che ha subito gli abusi sessuali. Negli ultimi tempi l’abuso su bambini portatori di disabilità è divenuto un tema molto importante, infatti l’incidenza del fenomeno pare accrescersi. Secondo alcune stime i fenomeni di maltrattamento raggiungono l’11% dei bambini affetti da ritardo mentale e disabilità in generale: il fenomeno va studiato e va controllato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here