È morto sotto gli occhi inorriditi della moglie e del figlio piccolo, per una banale lite. Si chiamava Giovanni Di Vito e, in un giorno come tutti gli altri, era alla guida della sua automobile con il resto della sua famiglia, quando qualcosa è andato storto. Ad un incrocio c’è stato un diverbio con un altro automobilista, è scoppiata una lite: ancora sono al vaglio degli agenti le motivazioni che avrebbero condotto alla lite, ma si crede che uno dei due non abbia rispettato una precedenza. Così l’altro, adirato, ha dato inizio alla lite, nel bel mezzo dell’incrocio sotto gli occhi di tutti.

In questo scenario uno dei due ha cacciato un coltello e ha colpito Giovanni con una serie di coltellate, togliendogli la vita. La scena è stata vista da alcuni testimoni, che sono subito intervenuti per tentare di soccorrere la vittima; questi hanno chiamato il 118, ma purtroppo per Giovanni non c’è stato nulla da fare, ha ricevuto una coltellata al cuore che gli è stata fatale. Gli agenti della polizia, giunti sul posto subito dopo, hanno cominciato le indagini mettendosi alla ricerca dell’assassino. Quest’ultimo, all’inizio fuggitivo, è stato rintracciato qualche tempo dopo dagli agenti, che dopo averlo identificato lo hanno fermato.

Dopo aver sferrato il colpo mortale al 28enne, l’aggressore è salito sulla sua Mercedes ed è scappato via. Questo il resoconto di molti dei racconti fatti dai cittadini che per caso si trovavano in zona e hanno assistito all’omicidio. La loro collaborazione è stata molto importante, infatti hanno fornito alcuni dettagli alle forze dell’ordine che sono stati utili a rintracciare l’omicida. Anche la moglie della vittima, straziata da quanto accaduto, ha fornito il suo aiuto agli agenti per dare la caccia all’aggressore di suo marito. Poi sono stati analizzati i filmati di alcune telecamere di sicurezza che hanno ripreso tutto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here