Nessuno sapeva della gravidanza, la protagonista di quella che poteva finire in tragedia è riuscita a nascondere il nascituro a tutta la sua famiglia. È accaduto a Cervinara, piccolo paese in provincia di Avellino, ancora sono molti gli interrogativi ai quali le forze dell’ordine stanno cercando di rispondere. La neo mamma ha 30 anni e, avendo nascosto a tutti la sua condizione, è stata costretta a partorire in casa, senza precauzioni, senza accorgimenti. Nel momento in cui si sono rotte le acque si trovava a casa di alcuni parenti, dunque è stata costretta a partorire.

Si trovava sul balcone quando ha dato alla luce il suo piccolo, così lo ha lasciato lì avvolto in una coperta; mentre il piccolo rischiava di morire di freddo per la differenza di temperatura fra il grembo materno e l’ambiente esterno, la mamma si è recata in bagno. Qui si è sentita male, ha perso i sensi ed è svenuta: così l’hanno trovata i suoi cari, fortunatamente sono arrivati in tempo salvandole forse la vita. La famiglia della partoriente ha allertato subito i medici del 118, che hanno trasportato madre e neonato in ospedale, precisamente al Rummo di Benevento.

Attualmente mamma e neonato si trovano ancora in ospedale, sono ricoverati nel reparto di terapia intensiva. Il piccolo ha rischiato molto, è stato trovato in ipotermia ma ora le sue condizioni sono stabili, entrambi sono fuori pericolo di vita. Ancora da chiarire come la donna sia riuscita a tenere tutta la famiglia all’oscuro della gravidanza, ancora da scoprire i motivi che l’hanno spinta a prendere tale decisione. Questo è quanto è stato dichiarato alla polizia, ma sono ancora molti gli accertamenti da fare sul caso. È stato sorprendente ritrovarsi un neonato sul balcone e una parente senza sensi in bagno per la famiglia, ancora sotto shock.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here