Ha vinto anche l’ultimo step in Cassazione Silvio Berlusconi, da tempo impegnato in una causa con la ex moglie Veronica Lario. Come era già noto a molti, durante il divorzio, la Lario aveva chiesto dei maxi assegni, con delle somme che le persone comuni possono solo sognare, dell’ordine di migliaia e migliaia di euro. I giudici della Corte Suprema hanno così confermato la sentenza e colei che un tempo è stata la signora Berlusconi ora dovrà restituire tutto ciò che ha percepito durante questi anni. ha presentato un ricorso tramite il suo team di legali, ma questo non è andato a buon fine, è stato rigettato.

È stata stimata la somma che la donna dovrà restituire all’ex marito, si tratta di ben 46 milioni di euro, quota a cui si aggiungono gli interessi di circa altri 15 milioni di euro. Il leader di Forza Italia ha vinto su tutti i fronti grazie ai legali che lo hanno rappresentato, gli avvocati Valeria De Vellis e Pier Filippo Giuggioli. Questi hanno dimostrato come Berlusconi avesse ampiamente portato a termine i propri doveri in quanto marito, fornendo alla moglie l’appropriata assistenza economica durante il corso del loro matrimonio. In suo favore infatti avrebbe anche messo in piedi un enorme patrimonio dal valore eccezionale.

Tuttavia, come è stato stabilito dai giudici, non si poteva dire la stessa cosa di Veronica Lario, che non ha contribuito in alcun modo a incrementare la fortuna del marito. La donna, nome di battesimo Miriam Raffaella Bartollini, sarebbe colpevole di non aver contribuito ad accrescere le ricchezze del coniuge, che nel momento del divorzio l’ha comunque lasciata in condizioni di agiatezza. Questi sono i punti evidenziati dall’ordinanza, che ha costretto l’ex moglie del Cavaliere a restituire le cifre milionarie percepite negli scorsi anni; cifre a cui saranno aggiunti notevoli interessi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here