Un’idea innovativa e geniale quella di creare un videogioco per avvicinare anche i più giovani al fantastico mondo dell’arte. Molti infatti la ricordano come una materia noiosa studiata per anni fra i banchi di scuola, ma grazie al nuovo gioco virtuale ambientato a Palazzo Pitti, bisognerà necessariamente cambiare idea. Si intitola “The Medici game” ed è una rappresentazione in 3D ambientata nella prestigiosa reggia toscana, che prima ha ospitato il Granducato poi è diventato uno dei simboli più importanti delle sfilate e quindi dell’alta moda. Il videogioco è stato presentato ieri, giovedì 29 agosto e solo a fine ottobre sarà disponibile nei principali store digitali.

A ideare il videogioco ancora in fase di sviluppo è stata la casa editrice Sillabe, con la collaborazione di Opera Laboratori Fiorentini – Civita e Gallerie degli Uffizi.  The Medici Game: Murder at Pitti Palace sarà una ricostruzione del famoso palazzo storico fatta a partire da fotografie originali. Qui si svolgerà l’avventura, l’investigazione in cui per venire a capo degli omicidi ci sarà bisogno di dimostrare le proprie conoscenze in ambito artistico. La protagonista è donna, una storica dell’arte di nome Caterina che si troverà coinvolta in un caso di omicidio e dovrà risolvere il mistero, impresa nella quale riuscirà grazie alle sue competenze.

L’opera sarà disponibile nel prossimo autunno sui dispositivi mobili, quindi cellulari e tablet: per portare a termine il gioco, l’utente sarà costretto a imparare. Infatti, per venire a capo dei vari enigmi che si presenteranno sulla sua strada, Caterina dovrà scoprire i segreti che si nascondono fra le mura del palazzo. Per rendere il personaggio ancora più realistico e dare alla storica una personalità le è stato creato anche un profilo su Instagram: è possibile vedere l’account della storica dell’arte e avventuriera, corrisponde al nome di caterina_florence92. Dopodiché, non ci resta che aspettare altri due mesi per poter giocare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here