Ha fatto causa alla sua assistente Robert De Niro, che è rimasto alquanto deluso dall’operato di una sua assistente. La donna è una fan sfegatata della famosa serie risalente agli anni ’90 “Friends”: non un semplice hobby, ma addirittura una passione a cui lei si dedicava anche sul lavoro. Non l’ha presa per nulla bene il suo capo, De Niro, rivelandosi intransigente, ma neanche troppo visto che l’atteggiamento della donna non lasciava molta scelta. Ha guardato ben 55 puntate di friends in soli 4 giorni, ha sprecato ora dopo ora su Netflix: nel frattempo si trattava bene anche con dei pranzi prelibati.

Infatti l’assistente mentre si divertiva sulla piattaforma più utilizzata per le serie tv, ordinava caviale a pranzo, tutto a spese della società di proprietà di De Niro, la Canal Productions. Così l’attore ha deciso di fare causa alla sua collaboratrice per una somma di sei milioni di dollari. A riportare la notizia il quotidiano Variety, che ha riportato alcuni dettagli della vicenda: la Canal Productions ha intentato l’azione legale contro la donna. De Niro tempo fa aveva promosso la donna, che occupava il ruolo di vicepresidente e guadagnava uno stipendio di circa 300mila dollari l’anno.

È stata fatta una stima delle spese totali e i responsabili dell’azienda hanno calcolato che la donna ha speso più di 30mila dollari di pasti nel giro di due anni. A queste migliaia di dollari si aggiungono le spese di Uber, che ammontano a circa 32mila dollari; senza risparmiarsi su nulla, la ex vicepresidente avrebbe usufruito anche del conto personale di De Niro quale frequent flyer: con questo sotterfugio ha fatto dei viaggi gratis sempre a carico dell’attore. Prima di andarsene, quando ha lasciato il suo ruolo in azienda ha anche stilato una lettera di raccomandazioni chiedendo al suo capo di firmarla, ma costui si è rifiutato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here