Una tragica morte in pronto soccorso a Reggio Emilia, dove i parenti inferociti della vittima hanno cominciato ad infuriarsi con il personale. Così è stato necessario avvertire le forze dell’ordine all’ospedale santa Maria Nuova, solo in questo modo è stata tenuta la situazione sotto controllo. Gli agenti si sono recati sul luogo in quattro, tutti muniti di manganello, per calmare cinque uomini di origini marocchine che, in preda a un attacco di rabbia rappresentavano una minaccia sia per medici e infermieri, sia per gli altri degenti. La rabbia dei cinque ragazzi è scaturita dal decesso di un loro caro, per cui non c’è stato nulla da fare.

La vittima, un connazionale dei cinque ragazzi in questione, era stata portata poco prima in pronto soccorso lamentando un importante malore. Non sono state rese note le cause, quel che si sa è che l’uomo è stato messo in lista d’attesa come di norma. Tuttavia l’uomo è rimasto in attesa per qualche ora, nel frattempo le sue condizioni si sono aggravate ed è stato portato nel reparto di emodinamica in condizioni di urgenza. Qui i medici lo hanno preparato per un intervento molto delicato, ma purtroppo non hanno fatto in tempo a salvarlo, così la vittima ha perso la vita in ospedale.

I parenti della vittima quando hanno appreso la notizia del decesso del loro caro, di cui non è stata specificata l’età, hanno reagito molto male, cominciando a urlare. In un attimo d’ira hanno preso a calci e pugni le porte e i muri mettendo in allarme gli astanti. Non sono riusciti a calmarli in nessun modo così si è reso necessario l’intervento della polizia, che ha mandato quattro agenti con tanto di manganello; gli uomini armati sono riusciti finalmente a sedare la situazione, calmando gli animi dei parenti e riportando le cose alla normalità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here