Si è finalmente concluso l’incubo di una madre che ha vissuto nel terrore in questi ultimi anni; la donna, di origini rumene, ha due figli che assieme a lei hanno assistito alle violenze. Il carnefice è il compagno, un uomo albanese di 37 anni, padre dei suoi due figli e terribilmente geloso della propria convivente. L’aggressore, sicuro del fatto che la compagna avesse un amante, oltre a minacciarla si è spinto oltre giungendo con lei alla violenza fisica. Stavolta a pagarne le conseguenze è stato anche uno dei figli che, nel tentativo di difendere la mamma, è stato a sua volta colpito.

Vedere la violenza sulla propria prole, questo è stato l’evento scatenante, questo ha fatto scattare nella donna la decisione di convocare i servizi sociali. Subito la donna è stata messa in contatto con le autorità competenti del commissariato di Osimo, la cittadina in provincia di Ancona in cui è avvenuto tutto. La vittima ha raccontato i dettagli di una storia fatta di abusi verbali e non, una vicenda che andava avanti da ben sette anni. Il movente di un atteggiamento tanto ossessivo e violento risiede nella gelosia nei confronti della donna, infatti il compagno credeva di essere tradito.

Così gli ultimi anni sono trascorsi fra le quattro pareti della propria casa, la vittima è stata prigioniera della propria abitazione. Il suo amante e carnefice la controllava in tutto, possedeva anche le sue credenziali per monitorare i suoi contatti e movimenti sui social network. In alcuni casi è giunto a minacciarla anche con una pistola e le violenze fisiche erano divenute oramai all’ordine del giorno. Grazie agli agenti della polizia, il colpevole è stato condannato agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, mentre la madre sei suoi figli si trova al momento in un luogo sicuro, dove è stata trasferita di recente con i bambini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here