Piscina Acquamarina, ieri è successo qualcosa di imprevedibile, che avrebbe potuto provocare decine di morti. Fortuna ha voluto però, che nessuno si trovasse sul luogo dell’incidente quando questo si è verificato. Il tetto della piscina pubblica è improvvisamente crollato: si tratta di una struttura di ben 2400 metri quadrati, che si è annientata da un lato all’altro della stanza, infatti del tetto non è rimasto più nulla. La struttura comprendeva un lucernario in vetro, una composizione a forma di piramide, che è venuta giù con tutto io resto, non lasciando nulla.

In seguito a ciò è scattata una procedura per le grandi emergenze, dal momento che è stata fatta una considerazione: il tetto non avrebbe lasciato scampo a nessuno, chiunque si fosse trovato lì in quel momento non ce l’avrebbe fatta. Un evento di questa portata non passa inosservato così, temendo le decine e decine di feriti, le forze dell’ordine si sono recate immediatamente sul posto, pensando di dover soccorrere decine di feriti. Prevedendo una grande quantità di persone rimaste lese, anche il reparto di terapia intensiva è stato messo in allerta, proprio perché da un momento all’altro sarebbero arrivati tutti i feriti.

E invece no, è stato un falso allarme, perché la struttura era stata chiusa esattamente il giorno precedente per fare dei lavori di manutenzione. Il tetto era fatto di cemento, la caduta ha avuto un impatto fortissimo e nessuno si sarebbe salvato se colpito da quintali di materiale. Gli unici presenti erano quattro operai, si tratta proprio degli addetti alla manutenzione che grazie alla loro perizia e alla loro velocità non hanno subito le conseguenze del crollo. Infatti, appena hanno realizzato che c’erano dei rumori provenienti dal tetto sono prontamente usciti dall’edificio, prevedendo il peggio. Sono rimasti perfettamente illesi e non hanno riportato ferite, ma hanno passato dei bruttissimi momenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here