È accaduto ieri a New York, in occasione di una festa: due aggressori, approfittando della vastità della folla, si sono intrufolati e hanno aperto il fuoco sui cittadini. Alla fine della serata, terminata in tragedia, un uomo ci ha rimesso la vita e sono stati ben 11 i feriti. Ecco una prima ricostruzione della dinamica dei fatti: un cospicuo gruppo di cittadini si trovava in un parco a Brooklyn, erano intenti a celebrare l’Old Timers Day, una manifestazione di due giorni in cui si organizzano eventi e concerti locali; si tratta di un’occasione di grande rilevanza che richiama un gran numero di persone ogni anno.

Nella confusione due uomini armati hanno cominciato a sparare seminando il panico nella folla. Da quanto riferito dalla polizia nel corso dell’evento pubblico è stato colpito un uomo di 38 anni alla testa: per lui non c’è stato niente da fare purtroppo ed è morto sul colpo. La sparatoria si è verificata intorno alle ore 23, la situazione è precipitata, è successo tutto molto in fretta. Secondo le dichiarazioni e i comunicati fatti dai principali media statunitensi, le persone stavano lasciando il parco per tornare a casa, l’evento stava volgendo al termine.

Al momento non si possiedono ulteriori informazioni sulla dinamica di quel che è successo. Ancora non ci si spiega come sia stato possibile che, nonostante la presenza di un centinaio di poliziotti, i due uomini armati siano riusciti a causare tanti danni. Il sindaco di New York Bill De Blasio esprime tutto il suo cordoglio e la volontà di porre un limite alla violenza nei luoghi pubblici, dove a rimetterci la vita sono persone che si trovano nel posto sbagliato e al momento sbagliato. Il primo cittadino ha scritto in un tweet che intende ripulire le strade di New York dalle armi, per contrastare altri eventi tragici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here