Una mattinata di panico e confusione quella di ieri nella zona di Firenze: c’è stato un incendio a Rovezzano, località che si trova nella periferia fiorentina. Qui sembra essere scoppiato l’incendio che ha piegato in due il paese, dividendo per ore e ore la parte settentrionale da quella meridionale. I passeggeri sono rimasti bloccati, è esplicativo il caos creatosi a Santa Maria Novella, stazione che si è riempita di passeggeri notevolmente furiosi. Il risultato di quello che forse è stato un incidente è l’impossibilità di raggiungere Firenze sia da Napoli che da Milano.

Subito, in mattinata le forze dell’ordine della Polfer e della Digos, si sono recate a Rovezzano, nella stazione in cui è avvenuto il fatto eclatante. Da una prima analisi gli agenti hanno appurato che l’incendio è di natura dolosa, è stato appiccato volontariamente da un gruppo di anarchici. Almeno questa è la pista seguita fino ad ora dagli inquirenti; i colpevoli hanno bruciato i fili della cabina elettrica in due punti diversi, con la chiara intenzione di bloccare il traffico ferroviario. Si pensa che alla base di quello che è un attentato a tutti gli effetti, ci sia un gruppo ben organizzato in quanto non è la prima volta che si verifica un evento del genere.

Le principali aziende ferroviarie sono state costrette a rimborsare o a cambiare i ticket dei passeggeri, che sono rimasti bloccati senza alcuna possibilità di spostarsi fra le stazioni. I ritardi registrati infatti sono stati notevoli, raggiungendo picchi di ben 4 ore; nel corso della mattinata sono state inoltre cancellate 42 tratte sia di Italo che di Trenitalia. Quest’ultima ha annunciato che rimborserà completamente il biglietto ai viaggiatori che hanno subito più di tre ore di ritardo. Italo invece rimborserà o permetterà di modificare i biglietti fino alle ore 23 di mercoledì 24 luglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here