È accaduto ieri mattina in una stazione della metropolitana londinese, nella centralissima Oxford Circus. Due uomini sono entrati in maniera agitata sul vagone del treno e hanno attivato dei dispositivi che a loro volta hanno rilasciato dei gas lacrimogeni. Subito c’è stato il panico e i passeggeri, non sapendo con precisione di cosa si trattasse, sono scesi con urgenza dalla struttura ferroviaria. Fortunatamente c’erano le telecamere di sorveglianza a riprendere i fatti, così è stato fatto un primo identikit dei colpevoli. Si tratta di due uomini bianchi sulla trentina, uno di loro indossava un gilet nero: la polizia si è messa al lavoro per rintracciarli quanto prima. 

Come ha confermato la British Transport Police all’inizio, anche se non sono state fatte delle analisi chimiche, pare che si tratti semplicemente di gas lacrimogeni. Infatti così hanno lasciato presagire le reazioni dei passeggeri i quali, fortunatamente non hanno riportato gravi danni alla salute se non un terribile fastidio accompagnato da una sensazione di paura. Alcuni passeggeri hanno rilasciato delle importanti testimonianze: dal modo in cui i due aggressori si sono presentati sembravano entrambi ubriachi. Infatti si sono introdotti nel vagone in modo molto confuso e agitato, si vedeva che erano sotto l’effetto dell’alcol. 

Un ragazzo di 26 anni che si trovava sul posto ha raccontato la sua di esperienza. Improvvisamente ha visto la nube, poi tutti i passeggeri in lacrime, alcuni facevano fatica a respirare. Egli stesso da quanto racconta, ha avvertito a un certo punto una brutta fame d’aria, così è stato costretto a tirarsi su la maglietta in modo da coprirsi la faccia, in particolare occhi e naso. Ancora non si conosce il motivo che avrebbe spinto i due uomini a compiere un gesto tanto spropositato; tuttavia per ragioni di sicurezza, il vagone è stato momentaneamente messo in quarantena, mentre gli altri treno continuano a funzionare regolarmente. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here