Aveva 12 anni Sofia, è stata una vittima della fatalità e forse, della negligenza umana: saranno le indagini a chiarire quest’ultimo punto. La ragazzina proveniente da Parma, si trovava nello stabilimento balneare Texas, in provincia di Lucca, quando è stata ritrovata all’interno della piscina idromassaggio in pessime condizioni, lottando fra la vita e la morte. È stata portata subito in ospedale con un arresto cardiaco, qui è stata rianimata ma il quadro non è affatto migliorato. Così è rimasta in ospedale da sabato e, dopo tre giorni di agonia, la giovane non ce l’ha fatta ed è morta.

L’autorità giudiziaria procederà con l’autopsia per stabilire definitivamente alcuni dettagli; i genitori hanno autorizzato l’espianto degli organi, ma per ragioni legali è stato autorizzato solo il prelievo delle cornee. Sono state avviate le indagini, con un’analisi accurata dell’area della piscina, con i relativi filmati della videosorveglianza. In questo caso sono state coinvolte sei persone e tutte sono state iscritte nel registro degli indagati. L’accusa da accertare è quella di omicidio colposo e tutti gli indagati coinvolti sono i vari titolari dello stabilimento balneare.

La versione che gli inquirenti stanno cercando di verificare prevede che la ragazzina sia rimasta impigliata con i propri capelli in uno dei bocchettoni della piscina. Qui sarebbe rimasta intrappolata senza riuscire a divincolarsi, fino all’esito fatale che le avrebbe causato l’arresto cardiaco. Sono oggetto di verifica anche le varie procedure di emergenza, quindi il lavoro degli addetti alla sicurezza e il personale della piscina. Nel frattempo i video della sorveglianza sono stati messi sotto sequestro per essere analizzati con una maggiore accuratezza. Lo stabilimento balneare ha temporaneamente chiuso le strutture in segno di rispetto e di cordoglio per la morte di Sofia. I titolari hanno rilasciato una dichiarazione in cui si rendono disponibili alla massima collaborazione con le autorità per venire a capo della situazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here