Una vicenda ancora poco chiara quella accaduta ad Ancona, riguardante due 14enni. Si trovavano nella pineta del Passetto, una località molto in voga e frequentata da parecchi giovani, soprattutto durante le sere d’estate. Qui si è svolto l’accaduto: una ragazzina di 14 anni ha cominciato a correre improvvisamente, urlando e piangendo; è stata trovata e soccorsa da un passante che le ha chiesto cosa fosse successo e l’ha convinta a parlare della situazione con i genitori. Successivamente la giovane ha parlato e subito sono arrivati i soccorsi della croce gialla, che hanno raggiunto la vittima.

La ragazza ha raccontato quanto segue: la serata era cominciata con un’uscita a quattro, ovvero lei e il suo ragazzo in compagnia di un’altra coppia. Ad un certo punto però, lei e il ragazzo hanno deciso di appartarsi, distaccandosi dagli altri due. Poco dopo avrebbe avuto luogo lo stupro, secondo due versioni differenti, in quanto il ragazzo, un coetaneo di lei, ha negato tutto. Costui ha raccontato di averle dato solo un bacio, almeno in un primo momento; dopo ha cambiato la sua versione dei fatti e ha ammesso di aver avuto un rapporto sessuale con lei, dicendo però che fosse assolutamente consensuale.

Le versioni saranno confrontate alla ricerca della verità: la vittima era poco lucida e non del tutto padrona delle sue azioni. Probabilmente per via dell’alcol assunto poco prima, è anche caduta battendo la testa a terra. È stata portata in ospedale per eseguire ulteriori accertamenti e per verificare se c’è stata o meno la violenza, visto che in un primo momento sul suo corpo non sono stati riscontrati segni o lividi che dimostrassero la sua versione. La polizia, assieme ai genitori, ha accompagnato la ragazza lontano dal luogo dell’aggressione facendo in modo che non fosse riconosciuta da sguardi indiscreti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here