Una storia molto particolare che ha suscitato le polemiche delle maggiori associazioni di genitori: è il caso di Jordan Herzog, un dodicenne americano. Il giovane ha deciso di lasciare la scuola per dedicarsi a uno dei videogiochi più in voga del momento: parliamo di Fortnite. Il padre di Jordan, Dave Herzog, è molto fiero di lui, è stato il suo capolavoro; il genitore infatti è uno dei maggiori rivenditori online su Ebay e ha un negozio di accessori per videogiochi di tutti i tipi.

È stato lui ad iniziare un giovanissimo Jordan al mondo dei videogiochi, come ha raccontato ai media. Ha cominciato ad addestrare suo figlio dalla tenera età di tre anni, quando gli regalò il primo controller e gli insegnò il fantastico mondo dei videogiochi. A sette anni Jordan divenne bravissimo nel videogioco “Halo” e a 12 anni ha vinto il suo primo torneo, riuscendo a sconfiggere anche i giocatori più grandi con anni e anni di esperienza. Alla stessa età ha deciso di lasciare la scuola per dedicarsi interamente alla sua passione e diventare il migliore in assoluto: in questo ha ovviamente tutto l’appoggio e il supporto del papà.

Questo è stato molto criticato dagli altri genitori, ma continua per la sua strada affermando che il figlio sta benissimo, ha imparato molto di più in questi anni di quanto facciano gli altri suoi coetanei a scuola. Gli ha comprato una postazione da gioco di circa 30mila dollari. Il rigido addestramento, che consiste nelle 8-14 ore giornaliere che Jordan trascorre davanti allo schermo, ha portato i suoi risultati, infatti il ragazzo ha già vinto delle importanti competizioni portando a casa anche un premio di 60mila dollari. Se la maggior parte dei genitori si preoccupa di tenere alla larga i propri figli dai videogiochi, Herzorg ha cresciuto un vero e proprio prodigio del mondo virtuale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here