Per molti italiani osservare un delfino che nuota nelle acque nazionali è un’esperienza unica, che non capita tutti i giorni: queste meraviglie della natura che si dimenano fra le onde sono uno spettacolo non indifferente. Lo sanno benissimo anche i turisti e i cittadini del litorale romano, dove i delfini sono stati avvistati più e più volte. Tuttavia come segnalato dall’associazione Sotto al Mare, non poteva mancare l’artefatto umano, che come sempre ha rovinato il magnifico scenario idilliaco. In poche ore infatti è divenuto virale lo scatto che rappresenta un delfino a Ostia: il mammifero però è rimasto impigliato in una busta della spazzatura.

Si può osservare il maestoso animale che nuota, ma sulla sommità della sua pinna c’è qualcosa che non gli appartiene, qualcosa di nero che dà la sensazione di sporco. Così l’associazione che si occupa della tutela dell’ambiente nel territorio ostiense ha denunciato la scena, immortalandola in una sequenza di scatti finiti su Instagram e diventati virali su tutti i social. Si chiama Sotto al Mare e da tempo promuove un tipo di turismo che sia in armonia con il rispetto dell’ambiente e delle specie che lo popolano: in poche parole, promuove l’ecoturismo.

Sempre da quel che si legge nel post di denuncia, si spera che l’animale sia riuscito a liberarsi dalla busta di plastica. Non possiamo esserne certi, scrive Lisa Stanziani, responsabile dell’associazione, con una nota di indignazione del tutto comprensibile, dal momento che lo zampino dell’uomo è arrivato a rovinare anche uno scenario tanto bello. L’associazione così cerca di sensibilizzare il pubblico, attraverso un’opera di promozione sociale; spesso rappresenta tramite bellissimi scatti, la realtà del litorale romano, nei suoi aspetti positivi e negativi. Stavolta, data la portata dell’immagine, ha raggiunto un pubblico notevole scatenando in molti una reazione, cosa che di per sé è già un risultato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here