Dopo quanto avvenuto lo scorso 2 giugno, ieri i passeggeri di una nave Costa Crociere e tutti coloro che si sono trovati sul molo, hanno avuto paura. Infatti la “Costa Deliziosa”, nell’atto di uscire dal porto ha destato non poche preoccupazioni all’equipaggio e agli astanti. A motivo delle pessime condizioni metereologiche, inizialmente la nave non è riuscita a mantenere la rotta, così il pilota ha subito lanciato l’allarme facendo suonare la sirena d’emergenza. Nel frattempo i rimorchiatori di prua non hanno mai smesso di lavorare per cercare di riportare il mezzo sulla giusta via.

Secondo quanto riportato dalla Capitaneria di Porto, l’equipaggio ha svolto un ottimo lavoro riuscendo a evitare il peggio nonostante le condizioni climatiche avverse. Si è temuto il peggio quando la grossa imbarcazione, che sembrava del tutto fuori controllo, ha sfiorato uno yatch di una cinquantina di metri ancorato in Riva Sette Martiri. Fortunatamente non è accaduto nulla di significativo, ad ogni modo i marinai vedendo che la grossa imbarcazione si avvicinava inesorabilmente, sono scappati dallo yatch temendo il peggio e si sono rifugiati nel posto di guardia. Sono stati molto veloci a lanciarsi letteralmente a terra, avendo bene a mente quanto accaduto lo scorso mese.

La Procura di Venezia ha aperto un fascicolo d’inchiesta, senza alcun nome né intestazione di reato; le indagini avranno come base le testimonianze che verranno raccolte, i video e le registrazioni del mancato incidente. Tutto ciò sarà ovviamente affiancato ai rapporti ufficiali dei vari enti che regolano e gestiscono la navigazione nella laguna veneta. Si sono fatte sentire le voci contrarie a tale navigazione, coloro che vogliono le grandi navi fuori da Venezia, con il terrore che quel che non è successo ieri, possa accadere in un futuro non troppo lontano portando questa volta però, a conseguenze ben più tragiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here