Ravenna: è scoppiato il caso di una truffa di migliaia di euro a danno dell’autostrada. Infatti pare che un automobilista ravennate sia riuscito a eludere i controlli più e più volte fino a quando, pochi giorni fa, è stato identificato il colpevole. Si tratta di un uomo di 61 anni che per molto tempo e quindi per molti viaggi, non ha pagato il pedaggio al casello autostradale, potendo così viaggiare in maniera gratuita per chilometri e chilometri. È stato fatto un conteggio in termini economici e l’automobilista truffaldino ha risparmiato circa 1300 euro, non avendo mai pagato l’autostrada.

Il tutto è partito da una querela emessa da parte del responsabile legale della società autostradale, quando gli addetti si sono accorti delle anomalie registrate negli anni 2017 e 2018. Dunque sono subito partite le indagini da parte della Polizia Stradale, sia la divisione di Bologna che quella di Ravenna. Secondo la denuncia sporta agli investigatori, l’uomo usufruiva delle corsie riservate ai clienti Telepass, ma nella sua vettura non aveva alcun dispositivo elettronico che gli permettesse di farlo. Al momento il 61enne è stato fermato dalla polizia e su di lui pendono le accuse di truffa e insolvenza fraudolenta.

Non è la prima volta che si sente una notizia del genere, infatti già una decina di anni fa un automobilista romano fu condannato a pagare una maxi multa per lo stesso reato. Quest’ultimo aveva evaso i pagamenti dal 2006 al 2011, portando a termine una truffa di circa 3300 euro. In Italia sono molti gli automobilisti che ricorrono a scappatoie del genere per non pagare il pedaggio al casello autostradale, a testimonianza di ciò esistono ben 120 procedimenti giudiziari aperti solo nel 2017 contro i truffatori. Anche se molti di loro pensano il contrario, possono essere facilmente rintracciati e scoperti, per poi essere multati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here