Arriverà sugli schermi italiani immediatamente, l’attesa è finalmente terminata: si tratta di una serie tv che è stata pubblicizzata da mesi, quella che racconta gli eventi devastanti risalenti a più di 30 anni fa. Stiamo parlando del disastro nucleare di Chernobyl rimasto nella storia dell’intero continente. Per la precisione si tratta di una mini serie, prodotta grazie alla collaborazione fra Sky e HBO, saranno 5 puntate a raccontare il tragico incidente i cui danni sono ancora tangibili. Il regista, Johan Renck, ha creato una delle opere più controverse degli ultimi anni, facendo parlare la critica mesi prima del debutto.

Sicuramente non sarà una cosa da poco l’impatto emotivo, il dramma psicologico legato alla catastrofe nonostante siano passati tanti anni. Perciò la Russia non l’ha presa tanto bene e, in tutta risposta un regista locale sta pensando di creare una miniserie che racconti una versione dei fatti un tantino diversa, vista dall’interno. La critica alla versione americana è basata sul fatto che va a minare la credibilità del paese, giocando proprio sull’impatto emozionale della storia. Il corrispondente russo, che andrebbe in onda su un canale che si chiama Ntv – di proprietà di una importante compagnia energetica – sarebbe più veritiero; secondo alcune indiscrezioni infatti, nel remake made in Russia c’è un agente americano della CIA che, dopo tante peripezie, causa l’esplosione della centrale.

La guerra fredda prosegue dunque e, nonostante sia terminata da anni va avanti a colpi di serie tv. I produttori russi hanno preso a cuore la questione e faranno del loro meglio per superare la concorrenza statunitense. Intanto attendiamo con ansia fino all’ultimo giorno, ovvero domani, l’uscita della miniserie su netflix, per giudicare di persona, una volta vista la serie che, a giudicare da quel che se ne dice, pare essere una delle più acclamate di sempre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here