In una delle ore più roventi è successo, una donna straniera ha avuto un malore e si è accasciata al suolo. Per ore è rimasta stesa sul’asfalto, rossa in volto e priva di sensi, senza che nessuno intervenisse; alcuni così hanno ben pensato di chiamare l’ambulanza. I soccorsi però non si sono rivelati molto utili, infatti, hanno visto la donna e le hanno compilato una “scheda di equipaggio di primo soccorso”. Nessuna visita né sul posto né in ospedale, dove non è stata mai portata, non dal 118 almeno. La donna è rimasta per ore sull’asfalto bollente, a un certo punto ha vomitato, alcuni passanti raccontano che in volto era tutta rossa e la sua temperatura corporea era salita vertiginosamente, in modo pericoloso.

Una cuoca che abita nelle vicinanze e altri passanti, impietositi e spaventati, le hanno passato dei fazzoletti bagnati sul volto. Addirittura, una mamma ha accompagnato il proprio figlio a scuola, è tornata a prenderlo e, al suo ritorno, ha trovato la donna ancora a terra. Al momento non sono disponibili altri dettagli su chi fosse la vittima della calura e dell’abbandono; quel che si sa è che è una donna bianca sotto la quarantina, di origini ucraine.

Alcuni fra i passanti, hanno chiamato il 118, in quanto sorpresi dal tipo di intervento, o meglio dall’intervento che non c’è stato. La risposta dei sanitari è stata che, non essendoci nessun medico a bordo, si trovavano impossibilitati ad attuare qualsiasi procedura di soccorso. Tuttavia la risposta non è bastata a calmare la furia dei vicini del posto che avrebbero voluto vedere prendere almeno le misure elementari di soccorso. Si trattava di un’emergenza e, sempre da quanto riferito dai passanti, nessuno merita di finire così, neppure un cane bisognerebbe abbandonare in queste condizioni al limite dell’umano. Non sono state ricevute altre risposte dal pronto soccorso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here