Grandi progetti per il 2030 ad Amsterdam, la capitale olandese comincia a fare i primi passi verso un futuro meno inquinato e più responsabile. Negli ultimi tempi il bisogno di muoversi verso la salvaguardia dell’ambiente è impellente e misure del genere saranno prese anche in altre città, capitali mondiali. Il passaggio dalle auto alle biciclette o ai piedi, sarà molto graduale: da luglio 2019 infatti in città saranno eliminati circa 12mila parcheggi, e saranno sostituiti con parchi, marciapiedi e piste ciclabili.  Entro il 2025 invece, il piano è quello di eliminare i mezzi più inquinanti, a cominciare dalle auto a benzina e diesel; un primo passo è il bando di quelle immatricolate prima del 2005.

Il progetto prevede di far sparire tutte le auto, eccetto quelle elettriche, entro il 2030, lasciando la città ai pedoni e ai ciclisti. Per non gravare né sui residenti né sulle imprese, che non saranno costrette a pagare improvvisamente delle spese improponibili, saranno elaborati dei sistemi di esenzione e saranno messi a disposizione dei sussidi. Un esempio potrebbe essere l’acquisto di un mezzo non inquinante, atti del genere saranno fortemente agevolati con la “ricompensa” del parcheggio gratuito. Il sogno si realizzerà anno per anno eliminando gradualmente 1500 parcheggi alla volta, per non rendere il cambiamento un impatto improvviso e non sostenibile.

A beneficarne saranno prima di tutto i residenti, che fino ad oggi sono stati vittime in balia delle emissioni. Come ha ricordato il ministro dei trasporti Sharon Dijksma infatti, la vita media dei cittadini è stata accorciata di circa un anno a motivo dell’inquinamento dell’aria. Attuando il piano descritto si prevede un miglioramento di tre mesi, periodo che in media sarebbe aggiunto all’aspettativa di vita di chi vive in zona. In Italia è stata fata una proposta del genere per la città di Roma ma, nel frattempo, siamo ancora schiavi delle auto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here