Il fallimento della grande catena nata a Imola, è stato reso noto tramite social e solamente in via ufficiosa, tramite comunicazioni su whatsapp, i dipendenti ne sono venuti a conoscenza. E così circa 1800 lavoratori dipendenti del grande marchio, da un giorno all’altro, si sono ritrovati senza alcun lavoro. La società che aveva acquisito il controllo dei 55 punti vendita del Mercatone Uno, la Shernon Holding, è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Milano. L’acquisizione era avvenuta meno di un anno fa; inoltre, circa un mese fa, la società aveva fatto una domanda di ammissione al concordato preventivo.

L’intera vicenda non è limitata solamente al mercatone uno, infatti le aziende fornitrici coinvolte sono circa 500 e hanno dei crediti non riscossi del valore di 250 milioni di euro. A sottolineare l’importanza e la tragicità di tutto ciò il Direttore dell’Associazione Fornitori Mercatone Uno William Beozzo: oltre ad esprimere tutta la sua solidarietà verso i lavoratori che fino ad oggi erano ignari del fatto che presto sarebbero stati disoccupati, sottolinea il coinvolgimento delle aziende fornitrici. In tutto, visti i debiti e vista la portata del fenomeno, sono coinvolte almeno 10mila persone; ora bisognerà seguire attentamente l’evoluzione di questo percorso giuridico, sia per capire le conseguenze dei dipendenti, sia per tutelare tanto loro quanto i vari associati e fornitori.

A dare delle spiegazioni di natura tecnica l’avvocato Marco Angelo Russo, curatore del fallimento della Shernon Holding, che spiega come mai non è stato possibile portare avanti l’attività imprenditoriale della grande catena di distribuzione. La società nel giro di nove mesi, si è indebitata di parecchio, precisamente è stato riscontrato un indebitamento complessivo di 90 milioni, con delle perdite fisse di almeno 5-6 milioni al mese. Vista la gravità della situazione, il Ministro del Lavoro Di Maio ha annunciato che già da lunedì si metterà all’opera per salvare i posti di lavoro, così come il Ministro dell’Interno Salvini ha sostenuto di voler intervenire personalmente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here