Roma, scappa la rissa fra due senzatetto

0
448

È cominciato tutto su un bus della linea 64, dove un marocchino avrebbe adocchiato l’uomo per poi aggredirlo. Secondo quanto raccontato da un testimone che ha assistito, il magrebino, un uomo di 37 anni, ha notato il ciondolo appeso al collo dell’altro uomo, ciondolo rappresentante un crocifisso. L’altro, un 44enne georgiano è stato erroneamente scambiato per un italiano; è cominciato il violento confronto fra i due, prima solo verbale. Una volta sceso dall’autobus la vittima si è incamminata verso piazza dei Cinquecento, dove è stato raggiunto dall’aggressore. Costui ha sferrato un colpo con un coltello da cucina, rivolto alla gola dell’altro; il 44enne ha riportato una ferita in gola, fortunatamente non è grave.

Egli stesso, dopo essere stato sfregiato ha avvicinato i poliziotti che si trovavano in piazza e ha spiegato loro quanto era accaduto. È stato quindi portato in ospedale dove i medici, dopo avergli ripulito e curato la ferita, gli hanno dato 21 giorni di prognosi. Secondo la vittima il movente dell’aggressione sarebbe l’odio religioso: in concordanza con quanto detto dal testimone infatti, il marocchino prima di avventarsi sull’altro avrebbe gridato “Italiano cattolico di merda!”. Tuttavia la versione raccontata ai sanitari del pronto soccorso è diversa: a questi infatti è stato detto che l’assalitore voleva solamente rubare il gioiello con il crocifisso.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha reagito immediatamente, scrivendo a tutti i prefetti e questori per aumentare i controlli sugli irregolari, prestando attenzione ai luoghi di raduno di clandestini e cittadini islamici. Viste le cronache degli ultimi giorni, sicuramente il clima non è dei migliori anzi, c’è un’atmosfera alquanto carica di paura e tensione. A breve si programma un vertice proprio per risolvere la questione immigrati, si conta infatti che in Italia ce ne siano 600mila se non di più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here