Africa, arriva il vaccino anti malaria in tre paesi.

0
389

Oggi, 25 aprile è la giornata mondiale contro la malaria e, proprio due giorni prima l’OMS ha emesso a Ginevra un comunicato che ha suscitato non poca gioia. È uscito dopo anni di sperimentazione il primo ed unico vaccino contro la malaria, in grado di dare una protezione parziale ai bambini contro la terribile malattia che, secondo le stime, uccide quasi mezzo milione di persone ogni anni di cui 250mila sono appena bambini. Su questi ultimi si focalizza l’attenzione, come ha detto anche il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, potranno essere messe in salvo decine di migliaia di vite di bambini. Un grande traguardo per i bimbi africani e per la comunità scientifica considerando che il vaccino, denominato RTS,S, è oggetto di studi dal 1987; nelle prossime settimane, dopo la fase 3 di sperimentazione che ha visto coinvolti migliaia di bambini, sarà distribuito in Malawi, ma anche in Ghana e Kenya.

Già nel 2015 l’Agenzia europea per i farmaci (Ema) si era pronunciata positivamente, visti i risultati della fase 3 in cui si è osservato che, statisticamente, il vaccino protegge quattro individui su dieci dalla malaria. Ecco perché si parla di protezione parziale, ci sarà un rischio di contagio nettamente inferiore, cosa non da poco nelle aree in cui il morbo ha una diffusione elevatissima. La somministrazione avviene in quattro fasi, in differenti periodi della vita: le prime tre dosi vengono date fra i cinque e i nove mesi di età, l’ultima a due anni. Anche se la notizia è entusiasmante, l’Oms ci tiene a precisare che il vaccino non è un surrogato delle armi che si sono utilizzate fino ad oggi, quindi non c’è da abbassare la guardia, bisogna comunque continuare ad usare zanzariere impregnate con insetticidi, disinfestazioni e antimalarici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here