19enne denuncia abusi sessuali e viene bruciata viva

0
636

Era una studentessa del Bangladesh, viveva in un piccolo paese e frequentava una madrasa, ovvero una scuola islamica per l’istruzione media e superiore. Lo scorso mese di marzo ha avuto un colloquio con il preside della scuola, che una volta nel suo ufficio, ha cominciato a toccarla e ad avere atteggiamenti inadeguati. Nusrat Jahan Rafi era il nome della ragazza, che subito dopo l’accaduto è andata a sporgere denuncia alla polizia locale. È stato un evento unico e inaspettato, dal momento che in quel tipo di società, le ragazze sono solite subire in silenzio e le violenze sessuali sono all’ordine del giorno. Cosciente del rischio, Nusrat ha deciso di proseguire con le sue accuse, con il sostegno della famiglia; onde evitare problemi nei giorni successivi ha evitato i suoi compagni, non presentandosi affatto a scuola. Nel frattempo il preside è stato arrestato dalla polizia e la reazione del popolo furioso non si è fatta aspettare: tutti i cittadini sono scesi in piazza per richiedere il rilascio immediato del colpevole.

La notizia si è diffusa velocemente grazie al poliziotto che ha raccolto la denuncia, che senza nascondere l’identità della ragazza, ha filmato e registrato tutte le sue parole, facendola finire in un secondo momento in pasto al web. Per le ragazze bengladesi è un disonore comportarsi in maniera così sconsiderata e molte di esse hanno paura di essere ripudiate, emarginate dal resto della società.

Nusrat ha pagato il prezzo del suo coraggio con la vita: nei primi di aprile è tornata a scuola perché doveva sostenere degli esami. È stata riconosciuta e trascinata sul tetto della scuola da alcuni coetanei col volto coperto; quando gli aggressori hanno capito che la ragazza sarebbe andata fino in fondo e non avrebbe ritirato le accuse, l’hanno cosparsa di kerosene e le hanno dato fuoco. Col corpo coperto di ustioni è stata portata in ospedale e, mentre moriva lungo il tragitto continuava a ripetere che avrebbe lottato per la giustizia fino al suo ultimo respiro.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here