Monopoli, 26enne muore soffocato durante pranzo di Pasqua

0
963

L’ennesima tragedia accaduta nel giorno di Pasqua  la vittima stavolta è un ragazzo di 26 anni di Monopoli, che si stava godendo il pranzo con i familiari. Il giovane è stato soffocato da un pezzo di carne; i parenti che gli stavano vicino, hanno visto la difficoltà che egli aveva nel deglutire, poi nel respirare. Sono intervenuti tentando un salvataggio, tentando di sgombrare le sue vie respiratorie, ma nessuno è riuscito nell’intento. Quindi, osservando che la situazione diveniva sempre più grave e pericolosa, hanno chiamato i soccorsi in preda al panico. I medici del 118 hanno eseguito una tracheotomia – operazione manuale in cui si perfora la trachea cercando di permettere il passaggio dell’aria, liberando quindi il canale ostruito dal cibo – ma è stato inutile.  n seguito a ciò è cominciata la corsa all’ospedale più vicino, si sono recati d’urgenza al San Giacomo, dove sono intervenuti i medici. Purtroppo però neanche loro sono stati in grado, per un fattore temporale, di porre rimedio, salvando la vita al 26enne. Il giovane in questione così è morto per soffocamento. Un epilogo tragico per i festeggiamenti pasquali, in lutto parenti e amici. Ma quanto accaduto ieri non è un caso isolato: spesso accadono incidenti del genere durante il pranzo o la cena di qualche festività, ma anche nella quotidianità. Quest’anno una simile sciagura è avvenuta in Emilia Romagna, dove un uomo è rimasto soffocato da un boccone lo scorso gennaio. Ma si può fare qualcosa in questi casi per salvare i propri cari? Sì, si chiama manovra di Heimlich e consiste nel provocare un colpo di tosse artificiale esercitando delle spinte sull’addome, altezza sterno, il tutto rapido e a una certa pressione, per tentare di spingere il boccone verso la bocca. Essere a conoscenza di questa tecnica di primo soccorso in alcuni casi può salvare la vita.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here