Notre-Dame de Paris, incubo finito: tutti insieme per la ricostruzione

0
550

Oramai non si parla d’altro, l’amarezza per quanto è accaduto a uno dei maggiori simboli dell’arte gotica ha fatto il giro del mondo. La buona notizia, se tale può considerarsi, è che solamente il tetto e la guglia sono andati distrutti, la struttura è incolume, così come l’altare e il crocifisso. Il presidente francese Emmanuel Macron senza perdersi d’animo, ha subito comunicato i suoi intenti: sarà avviata una raccolta fondi per la ricostruzione della cattedrale, già a partire da martedì sarà attiva.

Secondo le autorità ci vorranno addirittura anni per portare a termine il lavoro e restituire alla Francia uno dei suoi simboli caratterizzanti. Restano tutt’ora ignote le cause dell’incendio, secondo gli investigatori l’ipotesi maggiormente probabile è quella del rogo accidentale. Infatti, secondo il  procuratore di Parigi Rémy Heitz in giornata sarebbero stati lanciati due allarmi: dopo il primo sopralluogo però, avvenuto alle 18:20, nessuno si era accorto dell’incendio. Solamente alla seconda chiamata, avvenuta all’incirca a 20 minuti di distanza dalla prima, le fiamme sono divenute piuttosto evidenti, così i fedeli sono stati costretti ad evacuare. I pompieri hanno svolto un lavoro eccellente salvando il salvabile e guadagnandosi una lode del presidente in persona, tuttavia c’è ancora tanto da fare.

A farsi aventi per la ricostruzione di Notre-Dame ci sono importanti famiglie, che senza esitazione hanno annunciato delle cospicue donazioni. Tra i primi c’è il multimiliardario Pinault, colosso del gruppo Kering (a capo di marchi importanti quali Gucci, Saint Lauren e Balenciaga per dirne alcuni) ha subito promesso una cifra pari a 100 milioni di euro. A seguire, LVMH, multinazionale a capo di grandi marchi come Louis Vuitton e Christian Dior, avrebbe promesso il doppio, ben 200 milioni di euro. Anche la compagna petrolifera Total ha preso parte alle donazioni; inoltre, il sindaco di Parigi ha indotto una conferenza appositamente per discutere sia delle donazioni che dei progetti futuri della cattedrale.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here