Festa di laurea fastidiosa: studenti minacciati con cacciavite a Bologna

0
420

Succedeva proprio ieri notte, durante quella che doveva essere una delle feste più belle per il neolaureato, la celebrazione di un importante traguardo nonché un’occasione per godersi la compagnia dei compagni di studi. La triste vicenda si è consumata in un condominio di studenti; i festeggiamenti erano troppo entusiasmanti stando ai racconti, c’era troppa confusione e sicuramente il volume troppo alto della musica ha infastidito l’inquilino del piano di sopra, un altro studente cinese di 36 anni che si è dimostrato alquanto suscettibile.

All’inizio costui aveva semplicemente avvertito, seppure in maniera aggressiva, i ragazzi; verso mezzanotte e mezzo, il 36enne si è precipitato alla porta dei vicini protestando furiosamente. Non contento del suo sfogo verbale, ha cominciato subito dopo a lanciarsi verso la porta, sferrando calci e pugni, continuando a inveire ripetutamente; una volta aperta la porta dell’appartamento, mentre uno studente di appena 24 anni ha provato a dargli delle spiegazioni, questo ha sferrato un colpo di cacciavite dritto al fianco dello studente. Il condomino di nazionalità cinese infatti, era sceso dal suo appartamento nascondendo un cacciavite con sé. La vittima, uno studente siciliano, non prevedendo le intenzioni del vicino non ha reagito prontamente, quindi è rimasto ferito. Fortunatamente non ha riportato gravi danni, almeno non tanto gravi da avere bisogno di cure ospedaliere. I presenti, secondo quanto riferito, avevano già tentato prima che partisse il colpo, di calmare il vicino infuriato, ma non c’è stato nulla da fare, l’uomo in preda alla rabbia ha agito violentemente.

Immediatamente, gli studenti hanno allertato la polizia, permettendo agli agenti di individuare l’aggressore. Appena hanno raggiunto il colpevole, i poliziotti lo hanno denunciato per possesso ingiustificato di armi o comunque oggetti pericolosi usati come armi e per lesioni personali aggravate.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here