Ciclismo e pioggia: due morti di 16 e 60 anni nel weekend

0
425

È accaduto lo scorso sabato 13 aprile, lungo la strada che si ramifica fra i comuni di Bergamo, ovvero la statale Briantea. Precisamente il tratto di strada era quello compreso fra Curno e Mozzo, due paesi nel bergamasco. Erano passate le 19 e pioveva a dirotto secondo le testimonianze quando una donna, alla guida di una Golf, perdendo improvvisamente il controllo dell’auto, avrebbe travolto il primo ciclista. Si trattava di uno studente di 16 anni che viveva in zona. Giorgio, che sulla sua mountain-bike si stava dirigendo verso la città e che, secondo la ricostruzione è finito prima sul parabrezza della vettura, poi è stato catapultato sull’asfalto. Nonostante la violenza del colpo, il ragazzo non è morto immediatamente ma è stato portato in ospedale, dove si è spento nella notte fra sabato e domenica. Ha lasciato, nel dolore più inspiegabile, i genitori e suo fratello minore Alberto, che lo ricordano come un ragazzo vivace e appassionato di sport e aerei. Era appena al terzo anno di liceo.

L’altra vittima invece è un sessantenne che si trovava sulla corsia opposta, evidentemente è stato colpito dopo il primo impatto, quando l’auto ha cominciato a sbandare. Si chiamava Maurizio ed era in sella sulla sua bici da corsa: è stato portato all’ospedale Papa Giovanni XII in condizioni critiche, ed è deceduto la sera stessa alle 20. A piangerne la scomparsa sua moglie e sua figlia, una giovane da poco laureata in scienze infermieristiche.

La donna alla guida della Golf è una 46enne che è uscita fisicamente illesa dall’incidente. La donna è stata scortata al policlinico San Pietro per accertamenti, ma è ancora sotto shock per l’accaduto. L’automobile di cui era alla guida è stata sequestrata, in attesa di scoprire nuovi dettagli ed eventualmente far luce in maniera più precisa sulle dinamiche del tragico avvenimento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here