Sono stati arrestati dalla Polizia di Stato, dieci mafiosi nigeriani latitanti da 60 giorni. La cattura è avvenuta in Germania e Francia con la collaborazione delle autorità estere.

I malviventi fanno parte dell’organizzazione nigeriana chiamata Supreme Vikings Confraternity, o Norsemen della Nigeria. L’organizzazione è diffusa, oltre che in Africa, a livello europeo. In Italia la base si trova nel Cara di Mineo.

I latitanti, tutti tra i 25 e i 29 anni, sono accusati di associazione di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, violenza sessuale e violenza sessuale di gruppo.

Il mandato di cattura è stato richiesto dal Tribunale di Catania, e l’avvenuta cattura è stata accolta con felicità da parte di Matteo Salvini che ha commentato: “Una decina di latitanti nigeriani sono stati arrestati in Francia e Germania dalla Polizia di Stato, in collaborazione con le autorità francesi e tedesche. Erano ricercati con l’accusa di associazione mafiosa, violenza sessuale, traffico di droga. Operavano a Catania e, secondo le accuse, avevano la base operativa nel Cara di Mineo che ora stiamo progressivamente svuotando. Grazie a investigatori e Forze dell’Ordine, nessuna tolleranza per mafiosi e delinquenti”.

Un’organizzazione particolare De Norsemen Kclub of Nigeria, fondata sull’immaginario vichingo e da studenti nel 1985, per diventare poi nel tempo un’organizzazione mafiosa a tutti gli effetti. Un sistema gerarchico a forma di barca in cui si dividono “brothers”, fratelli, e “sailors”, marinai.

L’obbiettivo dell’organizzazione, come riportato sul sito ufficiale, sarebbe “stabilire una fratellanza internazionale che sostenga il benessere dei membri e l’integrità del kclub, e utilizzare tutte le risorse a loro disposizione per stabilirsi tra la leadership mondiale” dichiarando che l’organizzazione “lotta per difendere l’oppresso e il debole nella società, che comprende l’obbiettivo di promuovere corrette misure di difesa per le masse contro tutti i vizi militanti nella società contro il suo progresso”.

[ copertina ]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here