Sabato 30 Marzo è stato rinvenuto a Milano in via Cascina dei Prati, nel quartiere Bovisasca, al termine dello spegnimento di un rogo presumibilmente doloso, un cadavere fatto a pezzi e non identificato.

Il corpo era vicino a un cassonetto di rifiuti al cui fianco si trovava una bombola di gpl che però non è esplosa.

Il cadavere fatto a pezzi, decapitato e dato alle fiamme, sembrerebbe essere quello di un uomo. Stando ai primi rilevamenti, il tronco della vittima sarebbe stato riposto in un trolley e poi bruciato in un incendio. L’intervento tempestivo dei vigili del fuoco ha permesso di preservare parte del cadavere, per permetterne il riconoscimento attraverso l’autopsia.

Due uomini di origine colombiana sono stati fermati dalla Polizia in relazione al crimine. Uno dei due stava cercando di tornare in Sudamerica da Malpensa oggi pomeriggio.

I due  (uno accusato di omicidio, l’altro di occultamento e vilipendio di cadavere) avrebbero compiuto il macabro omicidio dopo “un litigio” durante una festa in una casa nella zona “per motivi futili, per ruggini e vicende pregresse ancora da chiarire”. Lo ha spiegato il pm di Milano Paolo Storari a proposito del fermo di due sudamericani.

Il pm ha quindi spiegato che il cadavere è stato “tagliato con un’accetta” e poi trasportato “con un carrello” nel luogo in cui gli è stato fuoco: sia sull’accetta sia sul carrello sono state rilevate tracce di sangue.

Le indagini proseguono con lo scopo di identificare la vittima, tuttora ignota poiché le impronte digitali non avrebbero trovato alcuna corrispondenza col database delle forze dell’ordine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here