Nella giornata del 28 marzo il Senato ha approvato la riforma sulla legittima difesa tanto voluta dalla Lega. Con essa la difesa diventa sempre legittima.

La nuova legge ha raccolto 201 si, 38 no e 6 astensioni con il supporto di Movimento 5 Stelle, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Dice sostanzialmente che la reazione alle aggressioni o alle minacce subite in casa o sul posto di lavoro è da considerarsi sempre proporzionata, e dunque sempre giustificata. Quindi chi reagisce all’aggressore in stato di grave turbamento, non sarà punito.

Tra le altre novità introdotte dalla riforma ci sono la possibilità di ottenere la sospensione condizionale della pena per chi ha commesso un furto in appartamento solo dopo che ha integralmente pagato l’importo dovuto per il risarcimento del danno alla persona offesa, la mancanza di responsabilità di chi ha agito in condizioni di legittima difesa e l’inasprimento delle pene per violazione di domicilio (da uno a quattro anni), furto in appartamento scippo (da quattro a sette anni), mentre per la rapina la reclusione minima sale a cinque anni.

Salvini e la Lega hanno esultato in aula dopo la votazione e il leader si è detto soddisfatto e noncurante delle critiche.

Critiche arrivate da più parti. Oltre al segretario del PD Zingaretti, che ha definito un “atto irresponsabile” l’approvazione della legge, si sono schierati contro la riforma penalisti e magistrati che la ritengono  “una riforma della quale non sentivamo la mancanza” e di “dubbia costituzionalità”.

“La nuova legge sulla legittima difesa non tutelerà i cittadini più di quanto erano già tutelati fino ad oggi” ha detto il presidente dell’ Associazione Nazionale Magistrati Francesco Minisci, aggiungendo “la legge introduce concetti che poco hanno a che fare con il diritto, prevede pericolosi automatismi e restringe gli spazi di valutazione dei magistrati, oltre a portare con sè grandi difficoltà di interpretazione”.

Drastico il commento di Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, associazione per i diritti e le garanzie nel sistema penale: “Più armi ci sono in giro, più morti avremo”.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here