Ramy uno dei due eroi del bus che rischiava di essere incendiato

0
571

Ramy è uno degli eroi che si è distinto nella strage sventata del bus in fiamme. Solo grazie a lui i Carabinieri sono riusciti ad intercettare il bus dirottato ed incendiato a Ousseynou Sy. Il vicepremier Di Maio dichiara: “É un eroe a tutti gli effetti, avrà subito la cittadinanza per meriti speciali!

Ecco le parole di Ramy Sheata, ragazzino di 14 anni della scuola media di Vailati Crema, il quale nella mattinata di mercoledì 20 Marzo ha lanciato l’allarme mentre era a bordo del bus dirottato ed incendiato da Ousseynou Sy. “Cercavo di salvare gli altri.

Risultati immagini per ramy autobus

Ramy ha subito preso il telefono e ha chiamato il 112, per poi avvisare suo padre. Grazie a lui, i Carabinieri sono riusciti ad intercettare il pullman, bloccarlo e salvare tutti i 51 ragazzini che erano saliti a bordo prima che le fiamme divampassero. Il Carabiniere che è intervenuto per primo ha dichiarato che si trattava di un’azione di pochissimi stanti.

Il gesto di Ramy non è passato inosservato, il vicepremier Di Maio si è attivato affinchè il giovane abbia la cittadinanza italiana per meriti speciali. Ecco le sue dichiarazioni su Facebook: “Oltre ai nostri due eroi in uniforme, ce n’è un altro: ha 13 anni, si chiama Ramy ed ha origini egiziane, è uno dei bambini che ieri ha nascosto il cellulare al sequestratore avvisando per primo le forze dell’ordine. Ha messo a rischio la propria vita per salvare quella dei suoi compagni. Anche grazie al suo gesto si è evitato il peggio.”

Il vicepremier continua ponendo l’attenzione su alcuni aspetti fondamentali della cittadinanza italiana: “Il papà ha lanciato un appello, ha chiesto che gli venga riconosciuta la cittadinanza e credo che il governo debba accogliere questa richiesta. C’è la cittadinanza per meriti speciali che si può dare quando ricorre un eccezionale interesse dello Stato. Personalmente mi consulterò con il Presidente del Consiglio, si tratta di un caso speciale e credo che il ragazzo, per il gesto compiuto, debba ricevere la cittadinanza dello Stato italiano.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here