Nel cuore della Terra ci sono pianure e montagne altissime mai scoperte

0
706

Le onde sismiche e il loro studio sono fondamentali per capire diversi aspetti della Terra. Tramite un violento terremoto, alcuni scienziati sono riusciti a capire una nuova geografia che si sta espandendo nel sottosuolo.

Se guardiamo circa 600km sotto i nostri piedi, potremmo riuscire ad individuare pianure e montagne più alte dell’Himalaya stesso. Infatti sotto la crosta terrestre noi troviamo il mantello, il quale a sua volta arriva al nucleo esterno, che comincia a circa 2.000 km di profondità dal suolo.

Risultati immagini per inner earth

Il mantello è diviso in due: tra le due regioni solo una arriva sino al nucleo esterno e vengono individuate come mantello superiore mantello inferiore. Adesso che abbiamo cercato di spiegare in maniera basica e molto teorica il manto terrestre, possiamo procedere con quello che è stato scoperto.

Un studio rivela altri mondi nascosti

Alcuni scienziati hanno scoperto l’esistenza di una geografia sottostante, la quale crea delle vere e proprie catene montuose, con vette che se fossero state esposte al suolo, avrebbero superato anche quelle del Karakorum (8.611 metri).

Nel corso dello studio, alcune registrazioni di onde sismiche rilevate nel terremoto del 1994 in Bolivia, hanno permesso agli scienziati di scoprire il mondo che abbiamo nel sottosuolo.

Risultati immagini per inner earth

Secondo i ricercatori, le pianure che noi vediamo tra due catene montuose potrebbero essere l’effetto del contatto tra mantello superiore mantello inferiore, mentre le vette frastagliate sarebbero delle zone dove i mantelli hanno meno contatti.

Nuovi mondi da scoprire

Questa rivelazione apre gli orizzonti verso nuove realtà sotterranee, le quali hanno una vena fantascientifica. Ad avvalorare questa tesi ci sono anche le risalite di magma e il movimento delle zolle architettoniche.

Lo studio sul terremoto in Bolivia, infatti ha anche dimostrato che le onde sismiche si sono ripetute più volte sui vari strati della profondità terrena, agevolando così la possibilità di avere una radiografia completa della Terra con dettagli molto interessanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here