La bicicletta potrebbe danneggiare l’apparato genitale maschile

0
950

Andare in bicicletta potrebbe realmente causare problemi salutari agli uomini?

Uno studio fatto su oltre 4000 persone finalmente farà luce su questa tematica oscura.

Sin da quanto è stata inventata la bicicletta e l’uomo è riuscito a saltare in sella, si pensava che la prolungata pressione del perineo sulla sella danneggiasse la salute sessuale dei ciclisti. Attualmente si sente dire che il ciclismo potrebbe arrecare dei danni ai genitali maschili e che proprio la prolungata pressione perineale potrebbe danneggiare la prostata.

Risultati immagini per cycling

Alcuni ricercatori hanno condotto uno studio che mette a confronto ciclisti, nuotatori e corridori, cercando di capire quale fra le tre discipline potrebbe incidere negativamente sulla salute sessuale degli atleti. Lo studio ha rivelato che non c’è alcuna correlazione tra il ciclismo e l’apparato genitale maschile. Anzi chi fa molto ciclismo gode di tanti benefici cardiovascolari.

Incrociando i dati dello studio con quelli raccolti dai questionari compilati dai gruppi di ciclisti, nuotatori e corridori, si è potuto evincere che i benefici per chi pratica ciclismo sono di gran lunga superiori rispetto ai rischi ai quali si può incombere. Inoltre, per quanto riguarda le infezioni che potrebbero verificarsi nell’apparato genitale maschile, ciclisti,  nuotatori e corridori hanno riscontrato esperienze molto simili.

Nonostante tutti i benefici che i ciclisti possono avere in maniera continuativa, dall’altra parte c’è il fatto che i ciclisti sono più a rischio di stenosi uretrali, le quali si verificano proprio quando il tubicino che trasporta l’urina nella vescica si restringe in maniera anomala.

Immagine correlata

Un altro particolare emerso dallo studio si nota in coloro che utilizzano biciclette da corsa, dove il manubrio è più in basso rispetto alla sella. In questo caso l’apparato genitale viene sottoposto a più stress, e quindi l’intorpidimento genitale potrebbe provocare delle piaghe da sella. Tuttavia potrete arginare e ridurre i danni di questo effetto, cercando di pedalare almeno il 20% del tragitto in piedi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here